Questa foto merita una sola parola. Empatia, sentire, immedesimarsi, capire. Capire che c’è un dolore che prima o poi arriverà, ma che è meglio provare a farlo arrivare dolcemente. Su questa bambina sicuramente arriveranno psicologi e parenti, tutti proveranno a farle quasi credere che è stato un brutto sogno, però nel frattempo, forse per sempre, nel dolore ricorderà lui. Il poliziotto che la teneva in braccio. Lui si chiama Nick Struck, fa il poliziotto in Colorado. La sua pattuglia è appena accorsa a soccorrere un uomo uscito fuori strada con la sua automobile. Per lui non c’è più niente da fare. Morto sul colpo. Però l’uomo è anche padre di una bimba, che ha assistito a tutto. E che viene prontamente tirata fuori dalle lamiere. Qui si gioca tutto, tra il far imprimere a forza una immagine e provare il più possibile a tenerla lontana. La morte. Il poliziotto recupera il sangue freddo e porta la bimba lontano, nel frattempo le canta una ninna nanna (brilla brilla mia stellina…), le copre la visuale di quello che i suoi colleghi stanno facendo e le indica un punto, raccontando una favola inventata all’istante. La tiene in braccio, come un padre. Più di un padre. E mi piace credere che se quel poliziotto avesse il potere del tempo, tornerebbe indietro, per ridare in braccio a quel padre, una bimba e la sua innocenza che avrà un puntino di dolore, lontano, si spera, come il punto che Nick le sta indicando.

Ettore Zanca

Pubblicato da

Melania Emma

www.melaniaemma.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.