COMME FACETTE MAMMETA

  • “Mamma! Quella bambina mi ha picchiata, allora io gliele ho date anch’io e la sua mamma poi mi ha sgridata, urlava… ma non ho capito cosa dice, mamma vieni tu!”. “E tu? Cos’hai fatto tu, prima che lei ti picchiasse? Ehh???”.
  • Quando sarai grande ti vestirai come vorrai, ma ora no.
  • Perchè ti compri il mascara e le scarpe se puoi usare i miei?
  • Nessuna delle tue amichette ha le trecce grosse e lunghe come le tue, quando ero piccola sognavo una figlia per farle queste trecce!
  • Non correre troppo forte, sembri una saltafossi.
  • Non avere sempre il muso quando ti fotografo, mica ti faccio niente.
  • Non parlare da sola, mica sei matta.
  • Non serve che lavi le bambole, mica puzzano.
  • Certo che eri mancina anche tu, ma ti ho corretta per fortuna. La sinistra è la mano del diavolo.
  • Hai l’attaccatura dei capelli come il demonio, a punta.
  • Non parlare con tutti, mica li conosci tutti.
  • Non parlare della tua famiglia, loro non parlano di loro.
  • Non toccarlo, non sai se morde.
  • Non piangere per niente, sembri una bambina.
  • Non ridere così, non sei più una bambina.
  • Non usare quelle parole, sei ancora una bambina.
  • Non puoi fare qualcos’altro invece di leggere tante ore? Ti rovini gli occhi.
  • Non bere sempre da tutte le bottiglie, mi fai vergognare.
  • Non dire cazzo.
  • Non farmi fare brutta figura: taci per una volta.
  • Non puoi alzarti e andare via quando non ti piace!
  • Non ci credo che stai tutte quelle ore chiusa lì dentro solo per scrivere.
  • Questa cosa che non metti i gioielli perchè i gioielli son da uomo, toglitela subito dalla testa! Ma chi te l’ha insegnato?
  • Guidi come un uomo, che orrore.
  • Quando getti indietro la testa per ridere, sei sguaiata come una zingara.
  • Ridi come una maleducata, lo sai che se ridi la gente si offende?
  • Ma perchè ridi?
  • Ma perchè piangi tanto, sei troppo sensibile.
  • Non dire sesso, non voglio sentire quella parola volgare.
  • Ora che hai le mestruazioni ricordati che puoi rimanere incinta.
  • A che ti serve il ginecologo a quattordici anni? Mica devi fare figli.
  • Mi fai star male, secondo te io posso ascoltarti parlare di rapporti sessuali e non stare male??? Ma non ti vergogni???
  • E non dire cazzo, cazzo!
  • Non chiamarmi mai più madre, io sono mamma.
  • Io sono tua madre, nessuno ti ama più di me.
  • Non so chi ti ha educata come una cavalla, non certo io.
  • Sembri tuo padre. Da me non hai preso neanche le malattie.
  • Che brutto carattere, ma da chi hai preso?
  • Ma se non ti dico mai niente? E figurati se parlassi…
  • E non dire cazzo, ce l’hai sempre in bocca!
  • E usa il bicchiere per bere!
  • E pèttinati che non sembri mia figlia, mangia piano che non siamo morti di fame, non fischiare che ti rovini le labbra, abbassa la musica, le cose porgile, non lanciarle che non sei al circo.
  • Questa tua mania di spolpare le ossa e mangiare le cartilagini mi fa rabbrividire.
  • Sei così bella che nemmeno te ne accorgi.
  • Se tu sapessi quanto sei bella, cambieresti quei toni e quei gesti: sembri un capostazione.
  • Sei bella e sono preoccupata.
  • Quando dici cazzo diventi brutta.
  • Ma come fai a dire certe cose spudorate alla gente? Ma non ti vergogni mica?
  • La smetti di dare pugni al tavolo? Non ti ho educata in una bettola.
  • Non sederti con le gambe aperte, sembri un uomo.
  • Non guardare così intensamente, sennò cosa pensa la gente? Sembra che gli scavi dentro! Non sta bene.
  • Non fare tutte quelle smorfie col viso, ti rovini la pelle.
  • E tu lo hai lasciato solo perchè è troppo timido e pigro? Ma è figlio di un dentista, hanno la villa in Sardegna ed è figlio unico, eredita tutto lui…
  • Non so come tu riesca a fare tutti quei chilometri guidando da sola, di notte. Neanche i camionisti.
  • Non so cosa ci trovi in questa passione per le auto, i fuoristrada poi, non quelle comode. Peggio di tuo padre.
  • Ma ti sentirò mai dire Sì una beata volta? Lo fai apposta?
  • Cos’ho fatto di male per sentire tanti cazzi e vaffanculo…

Melania Emma

Annunci

Pubblicato da

Melania Emma

www.melaniaemma.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.