QUALE REPUBBLICA?

18921993_700544303466183_1681516590493910735_n

Mah… Guardando questa foto giuliva Oggi, mi viene da ricordare e fare presente che solo un mese fa, per la prima volta in vita mia, ho avuto bisogno della contraccezione di emergenza (CE). Per chi non lo sa, la CE è una misura precauzionale da usare entro poche ore da un rapporto sessuale non protetto (solo per quanto riguarda una gravidanza indesiderata, non certo per le m.s.t.). Tale metodo è solo occasionale (non è un metodo contraccettivo) e non riguarda la RU486. Consiste in due protocolli completamente gestibili dalla donna in autonomia: 1) un concentrato ormonale acquistabile senza ricetta medica (se maggiorenne ovviamente) riassunto in un’unica pillola da assumere entro un tot di ore dal rapporto a rischio. 2) l’inserimento di una spirale intrauterina in rame (la IUD) che ogni ginecologo è tenuto ad inserire in emergenza anche se non sei sua paziente, presentando un paptest recente di almeno 12 mesi.
Dunque: un farmacista procura il farmacologico e un ginecologo procura il non farmacologico. È diritto e scelta della donna usare entrambi i protocolli, se ciò la fa sentire sicura, unendo quindi la pillola del giorno dopo all’inserimento di una IUD, che poi le resta anche anni, se vuole e se la tollera.
Tutto sto briefing sanitario per dire cosa?????
Che per mia personale esperienza ESISTE L’OBIEZIONE DI COSCIENZA ANCORA PRIMA DEL CONCEPIMENTO. Ed è inconcepibile! Posso portare il nome dei ginecologi che mi hanno detto NO all’inserimento della IUD in emergenza (a pagamento eh?) e nome dei farmacisti che NON vendono la pillola del giorno dopo. Le scuse? “non ce l’ho, mai tenuta (mai tenuta), la devo ordinare, provi alla farmacia tal dei tali” (farmacista) – “qui non faccio interventi simili (simili) anche perché dovrei avere l’assistente\infermiera che qui in studio non ho e non sarei autorizzato a farlo da solo, provi in ospedale” (ginecologo).
Parlo dal ricco e civile Nord Est, dalla mia ridente città dello spritz, dove in emergenza ho trovato due ginecologi disponibili, uno a 40 km fuori città ed uno a Rovereto (Regione Autonoma vabbè, non fa testo lo so). La IUD non l’ho poi più inserita per scelta, perché il mio farmacista mi ha dato l’unica pillola che aveva in negozio ancora prima di aprirlo (vedendomi lì al mattino che aspettavo l’apertura della saracinesca, mi ha fatto entrare dal retro prima dell’orario di apertura) e procurandomene una seconda entro sera, per mia scelta di prenderne dose doppia. Ma essendomi confrontata nel giro di tre giorni con moltissime donne (ché si sa che noi donne sti fatti li dobbiamo condividere istintivamente con le nostre simili) ho appreso con orrore di trafile infinite di donne che chiedevano sta pillola nelle farmacie e non gli veniva venduta. Non possono esistere frasi come “Mel, sei stata fortunata, se riesci ad assumerla entro le prime 12 ore è anche perché trovi una farmacia che te la vende!”. NON PUÒ ESISTERE QUESTO!
Quindi Oggi penso solo che una Repubblica che fa dettare legge ai “medici” per diritti e salute della donna o mantiene saldi i culi agli statali col fior di cervelli di amici che ho all’estero che non riescono a lavorare degnamente qui, una Repubblica così è una dittatura che ha solo cambiato nome. Niente da festeggiare, qui.
E gli obiettori andrebbero segnalati con nome e cognome e mappati in un database accessibile a chiunque di noi abbia bisogno di non perdere tempo, così quando ci serve UN SERVIZIO guardiamo la lista dei rispettabilissimi obiettori, che molto spesso dicono NO senza indirizzare ai colleghi che invece quel servizio lo offrono.
Melania Emma

Pubblicato da

Melania Emma

www.melaniaemma.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.