Tutta questa voglia di “aggiustare” qualcuno di rotto, non è una dinamica sana. Tutto il pensiero colonizzato dal trovare il “come fare” ad aggiustare qualcuno che andrebbe aggiustato, siamo sicuri che sia il bene della persona “rotta”? E, ammesso che lo sia, chi dà il via alle danze? Voi o la persona rotta? Davvero pensate che si possa “portare qualcuno ad aggiustare” o indicargli dove andare e come fare e tutto va a posto? O forse (forse) c’e qualcosa da aggiustare prima in chi ha questo pensiero fisso? E soprattutto: cosa sareste, che vita avreste voi, senza qualcuno di rotto da aggiustare (aggiustare=amare)?
Melania Emma

Pubblicato da

Melania Emma

www.melaniaemma.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.