Certe persone devono per forza barare, sennò perderebbero sempre.
Melania Emma

Annunci

TRADUZIONI NARCISISTE

FB_IMG_1557468687585.jpg

«Ti amo, ma in questo momento non me la sento di stare con nessuno » («Non ti amo e me la sentirei benissimo di stare con qualcuno, purché sia qualcun altro: uno/ una che mi faccia penare e non mi dia il suo amore gratis come fai tu»)

«Sono ancora bloccato (bloccata) dal ricordo di una precedente storia» (« Non mi piaci abbastanza per farmi dimenticare una scottatura che ho preso in passato»)

«Ho paura di legarmi troppo a te» («Non ho nessuna voglia di legarmi a te»).

«Ho paura di farti soffrire» (« Ho paura che tu mi asfissi con il tuo amore: posso fare a meno di te, anche se ogni tanto avrò bisogno di telefonarti [facendoti soffrire] per avere una conferma del mio fascino. Almeno finché non trovo qualcuno/ a di cui innamorarmi davvero»).

«Non ti merito» (« Non ti amo abbastanza per reggere una storia impegnativa come quella che tu vuoi avere con me»).

«Siamo troppo uguali» («Con te mi annoio»).

«Siamo troppo diversi» (« Non solo mi annoio, ma mi innervosisco pure»).

Massimo Gramellini

Il narcisista è maestro nel provocare reazioni.
Di rabbia, di opposizione, di giustizia, di ordine.
Viola “involontariamente” confini e diritti.
Lo scopo?
Usare la reazione ottenuta per dimostrare.
Quanto lo han capito male.
Quanto era in buona fede.
Quanto soffre per le ingiustizie.
Quanto gli altri sono un problema.
Quanto è vittima degli altri.
Quanto, ma quanto, è buono.
E non c’è niente di più narcisistico di una vittima inconsapevole.
Melania Emma

La persona senza consapevolezza è una soave macchina infernale. Può uccidere un’anima chiamandolo “rispetto”, dispiacendosi poi per il cadavere chiamandolo “suicida”.
Melania Emma

COS’E’ IL NO CONTACT

Allora mettiamola così:

Dopo tutti gli orgasmi che gli avete dato, interrompere il No Contact significa farli godere un’altra volta con la vostra partecipazione. Significa fare da pubblico alle sue scenette. Se poi, facendolo, godete anche voi, allora il problema va guardato forse da dentro: voi.

Per chi non è costretto, per lavoro o per figli, a dover interagire con un disturbato, esiste la meravigliosa funzione “blocca” sui social, la “black list” sullo smartphone, le segnalazioni ai CC che aggraveranno ogni sua mossa ulteriore. Il NC va perpetrato in eterno, non vale spiare da un fake o mandare l’amica sotto casa, sennò il patologico non è più uno solo. Va bene la ricaduta, ma solo per riprendere il NC più ferreo di prima. Il NC deve essere l’ultima ed irreversibile fase, il punto di non ritorno, la rinuncia totale ad intervenire anche in caso di catastrofe. Durante il NC si deve pregare/sperare di non rivedere mai più quella persona, perchè ora la nostra vita è pulita, sana, libera. E non chiedersi chissà come sta: sta galleggiando, ecco come sta. Voi nuotate! Il NC non prevede sblocchi, rivedimenti, ravvedimenti: é un regalo che vi fate: il NO CONTACT E’ LA SCROLLATINA DI BRICIOLE DAL REVERS DEL VOSTRO DOPPIOPETTO.

Melania Emma

Siate più possibile lucidi nel cogliere le dissonanze: il blog/pagina che scegliete di seguire, dell’ennesimo bravissimo guru/psicologo/benefattore che vi parla di Trauma da Narcisismo, deve essere coerente.
Leggo sempre più spesso che questi immensi benefattori delle vittime di TdN parlano del Narcisista Patologico come di un malvagio essere cosciente, che distrugge premeditatamente e, ALLO STESSO TEMPO, di un essere malato, patologico, incurabile, inconsapevole.
No.
O il NP è il Dio del Male, con poteri sovrumani che distrugge pianificando in piena coscienza e strategia e contro cui nessuno può nulla, o è un povero malato sfigato perdente affetto da un reale disturbo di personalità, per cui non c’è cura e da cui bisogna imparare a proteggersi.
Non si possono sostenere due concetti ben distinti, mischiandoli come in un collage.
Non mi rivolgo a quei quattro sedicenti “professionisti” che hanno bisogno di guadagnare con le vittime, ma a chi è vittima e cerca di mettere insieme una vita andata in pezzi con un NP: voi meritate di CAPIRE BENE cosa vi è successo, sceglietevi un canale onesto, coerente, che non vi venda concetti confusi: il Male esiste, il Diavolo esiste ed ha molte ESPRESSIONI, alcune meravigliosamente indorate (come un certo tipo di bene) e alcune terribilmente palesi (come il NP o patologie peggiori). Il Male si serve di persone che inizialmente e inconsapevolmente lo sposano, questi “matrimoni” sono l’espressione del Male, se le persone che lo esercitano fossero davvero così dotate e invincibili, non farebbero la fine di merda che li attende puntuale all’epilogo della loro esistenza.
Melania Emma

Il dramma di un dipendente affettivo è che spesso, amando, in realtà cerca di correggere nell’altro ciò che egli considera sbagliato in sé stesso.
Melania Emma (Ph Hossein Zare)

LE PAROLE

Ah, le parole! Le parole di chi ami, quelle parole che ormai ami, le parole che non vuoi, il male che ti fai, il bene che già sai, le parole che ormai. Quelle parole. Quelle parole. Ami scriverle, pensarle, leggerle. Ami cercarle, stramaledette parole, scorrere gli occhi avidi e riconoscere ancora, ancora, ancora, ancora quell’eco: familiare, buffo, solenne, destestato, adorato. La tua dose, la tua malattia, il tuo placebo. Parole. Se non ci fossero!

Melania Emma

L’altruismo è la maschera dorata dell’egoismo, in qualche caso del narcisismo, nient’altro che una loro anomala gratificazione.

Lorenzo Licalzi

Beh, hai bisogno della luce solo quando si sta spegnendo, ti manca il sole solo quando inizia a nevicare, ti rendi conto di amarla solo quando la lasci andare. Sai di essere salito in alto solo quando ti senti giù, odi la strada solo quando ti manca casa, ti rendi conto di amarla solo quando la lasci andare. E la lasci andare.

(Well, you only need the light when it’s burning low, only miss the sun when it starts to snow, only know you love her when you let her go. Only know you’ve been high when you’re feeling low, only hate the road when you’re missing home, only know you love her when you let her go. And you’re let her go.

(Passenger – Let her go)

solo cose belle?

Ma davvero crediamo ancora che un essere umano possa fare e dire solo cose belle ed essere anche autentico e libero?

Melania Emma

Vorrei un’umanità nuova. Poi però mi chiedo se saprei starci dentro.

Melania Emma